Chronomaster Revival A385, il primo El primero del 1969

Abbiamo già parlato in un precedente articolo del cronografo Chronomaster El Primero di Zenith. Ora scriviamo nuovamente di lui in una veste differente, quella del Chronomaster revival A385 dotato del rivoluzionario calibro El Primero.

La Maison ripercorre la sua strada fino ad arrivare al 1969, anno della presentazione del celebre calibro cronografico automatico ad alta frequenza e del modello A385 con cassa tonneau e quadrante fumé, reso famoso nel 1970 dalla “Operazione Sky” di Zenith, un test che consisteva nel fissare l’orologio all’apparecchiatura di atterraggio di un Boeing 707 dell’Air France durante un volo da Parigi a New York per testarne la resistenza alle aggressioni esterne, come le variazioni drastiche di temperatura, la forza dei venti e le variazioni della pressione atmosferica. All’atterraggio, l’orologio funzionava ancora perfettamente.

Il Chronomaster Revival, riproposto ai giorni nostri dalla grande Manifattura svizzera, è una riproduzione fedele del modello originale del 1969 con le uniche differenze del vetro zaffiro bombato anziché quello acrilico e del fondello a vista, anziché quello chiuso in acciaio inossidabile.

IL REVIVAL DEL 2021

Cassa in acciaio di 37 mm di diametro dalla forma tonneau che riprende l’originale design di questo orologio storico. Molto interessante la commistione di satinato sulla parte frontale e lucido sui biselli di una cassa spigolosa in tipico stile anni ’70.

Le linee retrò si fanno evidenti anche sulla parte laterale, sezione sulla quale è possibile vedere la presenza di pulsanti cronografici a pompa ai lati di una corona zigrinata dal grip che sembra essere abbastanza confortevole.

Come detto prima, le differenze riguardano senza dubbio l’utilizzo di un vetro zaffiro bombato al posto di quello acrilico utilizzato sull’originale del 1969 e di un fondello a vite che mostra il calibro El Primero 400; cosa che sull’orologio da cui trae ispirazione era in acciaio inossidabile.

La resistenza alla pressione del Revival A385 è di 5 atmosfere, più che sufficienti per resistere agli schizzi d’acqua.

Il quadrante fumé marrone mostra i contatori cronografici in bianco rispettivamente a ore 6 e a ore 3 per quelli delle 12 ore e dei 30 minuti. A ore 9 troviamo quello dei piccoli secondi. Sulla parte esterna è visibile la scala tachimetrica; le sfere centrali sono a bastone e indicano ore, minuti e secondi cronografici. Il giro delle ore si mostra fatto di indici a bastone applicati, rodiati, sfaccettati e rivestiti di Super-LumiNova beige. Presente anche la finestra data a ore 4:30.

Per quanto riguarda invece la questione legata ai cinturini, Zenith ha optato per due versioni: la prima opzione è il bracciale in acciaio effetto “scala”, una moderna interpretazione dei bracciali di Gay Frères, divenuti l’emblema dei primi orologi El Primero. La seconda opzione è il cinturino in pelle di vitello marrone chiaro, che con il tempo e l’usura sviluppa una patina unica, con lato interno in caucciù e fibbia ad ardiglione in acciaio inossidabile.

IL MOVIMENTO

Il famosissimo El Primero 400 è il movimento automatico all’interno di questo Revival.

Si tratta di un movimento cronografico fatto di 278 pezzi, 31 rubini e capace di generare 36.000 A/h (5Hz) con una riserva di carica di circa 50 ore. Automatico a carica manuale, la sua caratteristica è la ruota a colonne, sulla quale sono incentrate le funzioni cronografiche.

Anche sotto il profilo meccanico assistiamo a un revival.

CONCLUSIONI

Ogni nuovo prodotto El Primero riesce sempre a far parlare di Zenith riempiendo i dibattiti su forum e riviste specializzate sull’orologeria. Si, perché il calibro è uno dei più famosi e chiacchierati della storia.

Il fatto di assistere a una rivisitazione fedele di un modello di circa 50 anni fa, seppur con qualche miglioria tecnica, fa molto piacere e consente di mantenere sempre viva la storia di alcuni pezzi.

Credo che Zenith abbia fatto davvero centro con la proposta del Revival A385 mantenendo anche i prezzi allineati a quelli del Revival A386; parliamo infatti di 7800 euro per la versione con cinturino e 8300 euro per quella con bracciale in acciaio.

Lascia un commento