CAPTAIN COOK CERAMIC HI-TECH

Come definire questo segnatempo della Maison svizzera Rado?

Si tratta senza dubbio dell’evoluzione della collezione Captain Cook in ceramica hi-tech che incarna il DNA di Rado nella sua forma più pura.
Cassa monoblocco in ceramica hi-tech di Rado, antigraffio e ipoallergenica e la tecnica del calibro Rado R734 con spirale Nivachron, protezione essenziale dai campi magnetici; sono queste le caratteristiche alla base della filosofia dell’azienda di casa Swatch.

Quattro nuove versioni dal carattere grintoso, duro, con la tonalità scura che la fa da padrone; tutte accomunate dalla cassa in ceramica hi-tech.
La prima versione, nera, con lunetta girevole in acciaio temprato con inserto in ceramica hi-tech nera; la seconda uguale alla precedente ma con cinturino in caucciù; una terza, invece, sempre nera, con lunetta girevole in acciaio rivestita in PVD color oro rosa a contrasto e inserto in ceramica hi-tech nera; per finire, la quarta e ultima versione con lunetta in acciaio temprato con inserto in ceramica hi-tech blu.

Captain Cook Ceramic 2
Captain Cook Ceramic 3
Captain Cook Ceramic 4

CARATTERISTICHE DETTAGLIATE

Diametro da 43 mm, dimensione utilizzata per la prima volta su questo orologio e cassa monoblocco; sono queste le caratteristiche di base che contraddistinguono le quattro versioni del Captain Cook.
Per tutti, seppur di colori diversi, le rispettive lunette hanno l’inserto ghiera in ceramica, materiale predominante dell’orologio. A interrompere la predominanza della ceramica abbiamo un fondello in titanio.

Captain Cook ceramic 5
Captain Cook Ceramic 7

Ciò che però mi colpisce di più, oltre a essere la notevole impermeabilità di 300 metri (ma qui cassa monoblocco e corona a vite giocano in casa), è il quadrante fumé che nasconde lo scheletro del movimento all’interno sotto un vetro zaffiro sagomato con trattamento antiriflesso su entrambi i lati.

Captain Cook 8
Captain Cook Ceramic 6

Anche per il quadrante è stato scelto uno zaffiro fumé con indici applicati in SuperLuminova bianca; unica differenza riguarda il colore delle sfere: oro rosa per la versione con lunetta nero/oro e color rodio per le altre varianti.

Ovviamente non può mancare a ore 12 il segno distintivo della Maison svizzera, l’ancora mobile, color oro rosa sul modello corrispondente e color rodio sulle altre configurazioni, con sfondo in rubino sintetico; il logo Rado e la scritta captain Cook sono stampati.

Captain Cook 10

Dal lato del bracciale, questi si presenta in ceramica opaca sulle maglie esterne e lucida su quella interna con fibbia in titanio a tripla piega e pulsanti in ceramica hi-tech; un’unica versione ha il cinturino in caucciù con fibbia uguale a tutte le altre.

IL MOVIMENTO

Ad alimentare questo segnatempo troviamo il calibro automatico R734.
Movimento di 25 rubini e una riserva di carica di 80 ore; la caratteristica di questo calibro è sicuramente la spirale Nivachron antimagnetica. Inoltre, in quanto a precisione, supera agevolmente gli standard di prova da 3 a 5 posizioni.

CONCLUSIONI

Non mi sorprende vedere l’utilizzo della ceramica su un orologio di Rado; la Maison è stata pioniera in tal senso e ritrovare il Captain Cook sotto questa veste non dispiace per niente, anche dal punto di vista del rinnovato diametro.
Si capisce che l’azienda ha voglia di rinnovarsi nel rispetto della tradizione.

Personalmente adoro il vetro e quadrante fumé che lascia intravedere nella sua trasparenza velata il movimento nonostante io non sia un amante degli scheletrati.
Una cosa che forse avrei rivisto un po’ al ribasso è il prezzo; infatti, questo oscilla tra i 3450 euro della versione con cinturino in caucciù e i 3950 euro di quella in ceramica al plasma con lunetta blu. Tuttavia, trovo che sia un pezzo davvero molto interessante e sicuramente non convenzionale.

Captain Cook 9

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE

CAPTAIN COOK NERO

CAPTAIN COOK BLU

CAPTAIN COOK VERDE