Prima novità del 2021 per Grand Seiko che vuole celebrare i 140 anni di tradizione della Maison riproponendo il primo Grand Seiko del 1960 (che montava il calibro 3180) in versione oro rosa e in edizione limitata di 350 pezzi; il modello in questione prende il nome di SBGW260.

Grand Seiko del 1960

Un pezzo dal gusto classico che conferma ancora una volta la grande tradizione della casa nipponica nel campo dell’orologeria anche di alta gamma, ponendosi all’interno di una competizione equa con i blasonati Swiss Made anche se qualcosa da rivedere c’è.

L’OROLOGIO DEL 140° ANNIVERSARIO

Cassa tonda in tipico stile dress-watch, elegante e preziosa, come il materiale di cui è fatta, l’oro rosa 18K. Le linee sono molto delicate, infatti con 38 mm di diametro e soli 10,90 mm di spessore, si caratterizza per essere un orologio dall’incredibile comodità, risultando ben indossabile al polso.

Tutti i materiali sono degni del suo blasone, dal vetro zaffiro a doppia curvatura e con trattamento antiriflesso che esalta la leggibilità del quadrante, alla parte posteriore del fondello a vista con anello sempre in oro rosa fissato da sei viti sul quale sono incise le indicazioni dell’orologio, tra le quali il numero della serie limitata; sul vetro è ben visibile la decalcomania del leone, simbolo di Grand Seiko

La Maison, tuttavia, non si sbilancia molto sulla resistenza all’impermeabilità classificando l’orologio solo come resistente agli schizzi; ci sta se consideriamo che l’acqua non è proprio l’ambiente ideale di questo tipo di orologi.

L’eleganza di questo segnatempo si riscontra anche sulla pulizia del quadrante, classico, con i soli indici applicati e sfere dauphine in oro rosa su un dial dal colore tendente allo champagne con la scritta del marchio applicata a ore 12 e quella “Diashock 24 jewels” a ore 6.

Completa tutto un cinturino in pelle di coccodrillo di altissima qualità con clasp a tripla chiusura e bottone di rilascio.

IL MOVIMENTO

Ad alimentare il Grand Seiko SBWG260 ci pensa il calibro 9S64 a carica manuale dalla bellezza e fattura di alto livello.

Il 9S64 è composto da 24 rubini e si muove a 28-800 alternanze orarie; la riserva di carica è di ben 72 ore (3 giorni) garantita grazie all’utilizzo di una molla principale più sottile e lunga realizzata in lega proprietaria “SPRON510” di Seiko. La precisione dichiarata dalla Maison è di uno straordinario scarto giornaliero di +5/-3 secondi, molto in linea con gli standard degli Swiss Made COSC.

Le finiture di questo movimento sono caratterizzate dalle viti azzurrate e dalla placchetta in oro raffigurante la storica “S”, simbolo registrato nel 1900 dal fondatore della Maison, Kintaro Hattori, come logo della Seikosha Factory.

CONCLUSIONI

Calibro 3180 del 1960

Era il lontano 1960 quando Seiko introdusse il calibro 3180 con un bilanciere di 12 mm e un perno mobile, montato sul Grand Seiko dello stesso anno proprio allo scopo di perseguire la ricerca della precisione. Dopo circa sessant’anni, proprio allo scopo di celebrare il 140° anniversario della nascita di Seiko, la precisione rimane il focus principale e viene messa in risalto da questo nuovo orologio, il modello SBWG260, dalle forme identiche a quello degli anni Sessanta.

Non si può certamente discutere l’eleganza, la fattura di pregio e i materiali utilizzati, tutti elementi che lo collocano senza dubbio all’interno dell’orologeria di lusso. Ciò che mi fa storcere un po’ il naso è il prezzo esorbitante al quale viene messo in commercio, ovvero 29.800 euro. Chi sarebbe disposto a sborsare una cifra simile quando esistono in commercio orologi di alta fascia, che hanno fatto la storia dell’orologeria e che rappresentano allo stesso tempo delle vere e proprie icone? Sto parlando ad esempio del Patek Philippe Calatrava, il 5196R che costa anche meno del Grand Seiko oggetto di questo articolo.

Altri orologi che secondo me potrebbero essere presi in considerazione prima di questo Seiko sono: IWC Portugieser Automatic 40, Jaeger-LeCoultre Master Ultra Thin Knife, Vacheron Constantin Traditionelle Manuale e credo molti altri ancora.

Non voglio essere critico con Grand Seiko, marchio del quale apprezzo tanto la qualità, ma sono convinto che dovrebbe intervenire sui prezzi dei loro prodotti.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>