UN TUFFO NEL PASSATO

Rado Golden Horse

Correva l’anno 1957 quando il marchio Rado presentò la prima collezione di orologi, tra cui il Golden Horse. La maison è stata da tempo pioniera utilizzando per questo orologio l’acciaio anzichè dei materiali ben più pregiati, solitamente diffusi all’epoca. A distanza di oltre sessant’anni questo modello continua ancora ad affascinare come un tempo seppur presentandosi sotto una veste rinnovata.

Grazie al suo stile, dall’aria vintage ed elegante, riesce a incantare anche l’amante del look moderno. Rado decide di celebrare questo Golden Horse con una serie limitata disponibile in 4 colori, di cui uno solo esclusivamente con cinturino in pelle, con una produzione speciale di soli 1957 pezzi.

Bisogna fare attenzione che la serie Golden Horse è l’unica in edizione limitata ad avere i cavallucci marini dorati; esiste un’altra linea che presenta gli ippocampi sul quadrante, la HyperChrome Classic, che però ha le applicazioni di colori differenti rispetto all’oro della collezione di cui ci accingiamo a parlare.

IL GOLDEN HORSE

Le forme di questo orologio possono solo fare emozionare. Misure gentili, adatte a qualsiasi polso, non invadenti e di un’eleganza senza uguali. Circa 36,5mm di diametro, uno spessore di circa 10,8mm, lug to lug di circa 44,5mm e distanza delle anse di 19mm, misura particolare quest’ultima rispetto ai canonici 20mm o 18mm.

Rado Golden Horse

La cassa in acciaio è magistralmente lavorata lucida, quasi ci si può specchiare; la carrure ha una satinatura che incontra la lucidatura della parte superiore con una smussatura che sembra non creare alcuna interruzione tra le due lavorazioni. Focalizzando l’attenzione sulla carrure, possiamo notare come questa sia leggermente curva, come a formare una sorta di bombatura che si estende da ansa ad ansa; queste ultime appunto sono curve nella parte finale.

La lunetta che sporge è lucida, una meravigliosa lucidatura che la rende quasi brillante. Incorporato all’interno della lunetta, sporgente di circa 1mm o poco più, troviamo il vetro zaffiro leggermente bombato e con trattamento antiriflesso.

Classica a ore 3 sporge la corona a pressione, zigrinata e molto lucida con il logo in rilievo dell’ancora di rado; l’impermeabilità dichiarata è di soli 50 metri, quanto basta ovviamente per proteggere l’orologio dagli schizzi d’acqua; chi mai si sognerebbe di portare un pezzo del genere a fare il bagno al mare?.

fondello Rado Golden Horse

Il fondello è a vite con la parte centrale sabbiata che evidenzia in rilievo la presenza dei tre cavallucci marini e delle tre stelle (segno distintivo per indicare che il fondello è avvitato) mentre sul bordo esterno la lavorazione è lucida e riporta la dicitura “LIMITED EDITION ONE OUT OF 1957”.

IL BRACCIALE E IL CINTURINO

Molto bello il bracciale con i suoi chicci di riso lavorati finemente lucidi; sulla parte interna presenta invece una lavorazione satinata. La clasp, lavorata finemente, ha un click molto sicuro e presenta nella parte interna un acciaio spesso che restituisce un elevato senso di robustezza. Peccato però la mancanza di microregolazione anche se la ridotta dimensione delle maglie consente una regolazione del bracciale alquanto precisa. Unica variante con cinturino in pelle è quella con il quadrante rosso con fibbia ad ardiglione in acciaio.

bracciale Rado Golden Horse

IL QUADRANTE

Sicuramente molto elegante e con lavorazioni di pregio è il quadrante.

Disponibile in diverse colorazioni, verde, blu, nero e rosso, con una lavorazione fumé che tende a scurirsi sulla parte esterna e chiarirsi su quella interna, una sorta di effetto cangiante a seconda di come lo si guarda.

quadrante Rado Golden Horse

Molto essenziali sono gli indici di metallo, rodiati e in rilievo, applicati e sfaccettati, come sfaccettate sono le lancette dauphine di ore e minuti. In questo caso non è presente alcuna luminescenza, cosa che in orologi di questo genere ci sta.

A ore 3 si può notare il datario incorniciato e su fondo bianco con font di colore rosso, un tocco particolare che fa pendant con il logo Rado a ore 12; l’ancora rappresentativa del marchio color rodio oscilla muovendo l’orologio. A ore 6 invece troviamo i due cavallucci marini di colore oro appunto, il simbolo che da il nome all’orologio e con la dicitura “Golden Horse” fedele al font originale del 1957.

IL MOVIMENTO

Il calibro in dotazione di questo orologio è l’ormai celebre e sempre più utilizzato dai marchi del Gruppo Swatch, Powermatic 80, nello specifico l’ETA C07.611 (con scappamento standard) di derivazione 2824-2.

25 Rubini e numero di alternanze ridotte a 21.600 A/h per raggiungere la straordinaria riserva di carica di 80 ore.

CONCLUSIONI SUL GOLDEN HORSE

Un orologio bello, elegante e di notevole impatto grazie al suo quadrante fumé. Caratteristiche che di certo non lo fanno passare inosservato e se ci aggiungiamo il magnifico bracciale lucido, quasi uno specchio, a chicchi di riso, ecco che il cerchio si chiude.

Il prezzo di listino è di 1860€ (1760€ la versione con cinturino in pelle); certo non pochi e sicuramente all’interno del costo sono stati considerati la tradizione del marchio e il fatto che sia una serie limitata. L’orologio ha comunque delle caratteristiche di prim’ordine, una bellezza indiscussa e quel fascino vintage del suo design.

Un bell’orologio da indossare in quelle occasioni speciali in cui l’obiettivo è farsi ricordare.

Per poterlo acquistare potete dare un’occhiata QUI e QUI.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

You may use these HTML tags and attributes:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>